banner MyEnbanner UGA

Unione Gas Auto SpA e My En partecipano all'11° Ecorally San Marino, Sanremo, Monte-Carlo, gara di regolarità riservata ai veicoli ecologici che si disputa il 17, 18 e 19 giugno 2016 valida per la Coppa Fia Energie Alternative e per il Campionato Italiano Aci Sport.

In palio il 11° Trofeo Ecorally San Marino, l'8° Ecorally Press, in collaborazione con Consorzio Ecogas ed Assogasliquidi, partner tecnici Lampogas e My En e il memorial Nello Rosi, in collaborazione con Unione Gas Auto ed Ecomobile. Per il primo concorrono tutti i partecipanti, mentre il Press e il Nello Rosi sono riservati ai giornalisti, che tradizionalmente partecipano all'evento nella speciale sezione a loro dedicata.

Tutti possono partecipare, purchè a bordo di un mezzo adatto; sono ammessi i veicoli ibridi, elettrici e a basso impatto ambientale: mono e bifuel gassosi (GPL e metano), biometano, biocarburanti, idrogeno.
Dopo dieci edizioni che hanno collegato Repubblica di San Marino e Città del Vaticano, lungo percorsi affascinanti in Italia Centrale, l’11ª prenderà il via da San Marino per raggiungere il Principato di Monaco, passando anche sul territorio francese e rievocando alcuni famosi Rally di velocità con quattro prove a velocità costante sulle tracce dei Rally di San Marino, Sanremo e Monte-Carlo.
Il programma. Le verifiche tecniche sono previste nel primo mattino del venerdì a San Marino, poco dopo verrà data la partenza con l’effettuazione della prima Prova speciale con destinazione Parma, arrivo del primo giorno di gara, passando da Forlì, Bologna, Maranello e Reggio Emilia. Sabato 18 partenza del secondo giorno per Fidenza, Castelli di Parma e Piacenza, poi Arma di Taggia e Sanremo, dove è prevista una Prova speciale prima del secondo pernottamento. La gara riprende la domenica mattina – transiti a Ventimiglia e Mentone, dove si svolge l’ultima Prova speciale – terminando a Monte-Carlo. Seguono pranzo e premiazioni.
Una menzione merita l’affascinante percorso lungo le strade dei Castelli di Parma e Piacenza: Tabiano, Scipione, Vigoleno, la Rocca Viscontea di Castell’Arquato e quella di Pianello di Val Tidone, poi ancora i castelli di Grazzano Visconti, Rivalta, Agazzano, Montalbo, Castelnovo, Borgonovo Val Tidone e infine quello di Sarmato.
La quota di partecipazione per ogni equipaggio (2 persone, pilota e copilota, che possono alternare i ruoli durante la gara) è di 600 euro e comprende tassa di iscrizione, pranzo, cena e pernottamento in camera doppia di venerdi e sabato, oltre al pranzo di domenica 19 giugno.
L’Ecorally San Marino si svolge con la collaborazione della Uiga – Unione Italiana Giornalisti Automotive, il patrocinio del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare della Repubblica Italiane e della Segreteria di Stato al Territorio e Ambiente e della Segreteria di Stato allo Sport della Repubblica di San Marino. La gestione tecnico-regolamentare è a cura della F.A.M.S. (Federazione Auto Motoristica Sammarinese) tramite i propri Ufficiali di Gara; i rilevamenti cronometrici sono della F.S.Cr. (Federazione Sammarinese Cronometristi).
La competizione, rivolta esclusivamente a veicoli ecologici, è coerente con la natura innovativa delle manifestazioni dello sport dell’automobile dove, nel passato come nel presente, innumerevoli concetti tecnici sono testati attraverso le gare. Accoglie operatori del mondo automotive, tecnici e piloti, ma anche chi ama semplicemente l’auto e l’ambiente.
I concorrenti devono seguire il Road Book, il libro usato tradizionalmente nei rally, che con simboli e planimetrie indica il percorso e le prove, in pratica un navigatore cartaceo. Queste vanno dalla partenza cronometrata a una serie di controlli con rilevamento del passaggio tramite tubi pressostatici collegati ad un cronometro. Inoltre almeno quattro Prove speciali che vanno percorse con media oraria costante con passaggi controllati segretamente e rilevati da cellule fotoelettriche. Fondamentale presentarsi ai rilevamenti di passaggio che costellano il percorso alla scadenza esatta del tempo imposto, applicando la velocità media richiesta.
Accanto alla sostenibilità ambientale, la sicurezza: il principio sul quale si basano gli ecorally di regolarità, è proprio il rispetto del codice della strada, svolgendosi le competizioni su strade aperte al traffico.